Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it
Farmaexplorer.it

Uso del telefono cellulare e rischio di glioma


Tenendo conto che l'esposizione al telefono cellulare potrebbe essere classificata come possibile cancerogeno per l'uomo dall'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro ( IARC ), si è cercato di determinare la compatibilità di due recenti rapporti di rischio di glioma ( che formano la base della classificazione IARC ) con i trend di incidenza osservati negli Stati Uniti.

Sono stati effettuati confronti tra i tassi osservati e i tassi di incidenza programmati di glioma per il periodo 1997-2008.
Sono stati stimati tassi programmati combinando i rischi relativi riportati nello studio Interphone del 2010 e in uno studio svedese del 2011 di Hardell e colleghi con i tassi aggiustati per età, registro e sesso; dati sull'uso del telefono cellulare; diversi periodi di latenza.

Sono stati utilizzati i dati della popolazione degli Stati Uniti per l'incidenza di glioma nel periodo 1992-2008 provenienti da 12 registri del programma SEER ( Surveillance, Epidemiology, and End Results ).
Sono stati raccolti i dati di 24.813 pazienti bianchi non-ispanici con diagnosi di glioma dall'età di 18 anni in poi.

I tassi di incidenza di glioma specifici per età sono rimasti generalmente costanti nel periodo 1992-2008 ( variazione annua: -0.02% ), un periodo che coincide con un aumento sostanziale dell'uso del telefono cellulare da quasi lo 0% a quasi il 100% della popolazione degli Stati Uniti.

Se l'uso del telefono fosse stato associato con il rischio di glioma, i tassi di incidenza, attesi, di glioma avrebbero dovuto essere più alti di quelli osservati, anche con un periodo di latenza di 10 anni e rischi relativi bassi ( 1.5 ).

Sulla base dei rischi relativi di glioma secondo la latenza del tumore e le ore cumulative di uso del telefono nello studio svedese, i tassi previsti avrebbero dovuto essere almeno superiori del 40% rispetto a quelli osservati nel 2008.

Tuttavia, i tassi di glioma previsti, basati sulla piccola percentuale di persone altamente esposte nello studio Interphone, potrebbero essere coerenti con i dati osservati.

I risultati non si sono modificati quando sono stati considerati gli utilizzatori non-abituali o gli scarsi utilizzatori di telefoni cellulari come categoria di riferimento.

In conclusione, l’aumentato rischio di glioma con l’uso del telefono cellulare, come riportato da uno studio svedese che è alla base della rivalutazione della Agenzia IARC dell’esposizione al telefono cellulare, non è coerente con i trend di incidenza osservati nei dati di popolazione degli Stati Uniti, anche se i dati degli Stati Uniti potrebbero essere coerenti con i modesti rischi in eccesso rilevati nello studio Interphone. ( Xagena2012 )

Little MP et al, BMJ 2012; 344: e1147

Med2012 Neuro2012 Onco2012



Indietro