Xagena Mappa
Medical Meeting
Gastrobase.it
Mediexplorer.it

Un alto consumo di caffè non appare aumentare il tasso di ospedalizzazione e di mortalità per scompenso cardiaco


Un precedente studio aveva trovato che il consumare 5 o più tazze di caffè al giorno fosse associato ad aumentata incidenza di insufficienza cardiaca.

E’ stata esaminata questa associazione verificandola in una popolazione più ampia ( 37.315 uomini senza storia di infarto miocardico, diabete mellito, o scompenso cardiaco ).

Nel corso del periodo di follow-up di 9 anni, 784 uomini sono andati incontro a un evento di scompenso cardiaco.

Rispetto agli uomini che hanno bevuto 1 tazza, o meno, di caffè al giorno ( tasso non-aggiustato: 29.9 eventi di scompenso per 10.000 persone-anno ), il rate ratio ( RR ) è stato pari a 0.87 per 2 tazze/die di caffè ( 29.2 eventi), 0.89 per 3 tazze/die ( 25 eventi ), 0.89 per 4 tazze/die ( 18.1 eventi ), e 0.89 per 5 o più tazze di caffè al giorno ( 18.1 eventi per 10.000 persone/anno ) ( p per trend in RR=0.61 ).

Dallo studio è emerso che l’alto consumo di caffè non è associato ad aumentati tassi di ospedalizzazione o mortalità per scompenso cardiaco. ( Xagena2009 ) Ahmed HN et al, Am Heart J 2009 ; 158 : 667-672


Cardio2009



Indietro