Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Neurobase.it

Supplementi di vitamine B, correlate al metabolismo di unità monocarboniose, e rischio di cancro al polmone


Sono stati riportati risultati incoerenti di un legame tra l'uso di vitamine B correlate al metabolismo di unità monocarboniose e rischio di cancro al polmone.
L'elevata prevalenza di un uso supplementare di vitamina B induce ad approfondimenti.

È stata esaminata l'associazione tra l'impiego a lungo termine di vitamine B supplementari sulla via metabolica dei gruppi con un atomo di carbonio e il rischio di cancro del polmone nella coorte VITAL ( Vitamins and Lifestyle ), che è stata progettata specificamente per esaminare l'uso di integratori relativi al rischio tumorale.

In totale 77.118 partecipanti della coorte VITAL, da 50 a 76 anni, sono stati reclutati tra il 2000 e il 2002 e sono stati inclusi in questa analisi.
Tumori polmonari incidenti, primitivi, invasivi ( n=808 ) sono stati accertati collegando in modo prospettico i partecipanti a un Registro oncologico basato sulla popolazione.
La dose giornaliera media a 10 anni di integratori singoli e multivitaminici era l’esposizione di interesse primario.

L'uso supplementare di vitamine B6, folati e B12 non è stato associato al rischio di cancro del polmone tra le donne.
Al contrario, l'uso di vitamina B6 e B12 da integratori singoli, ma non multivitaminici, è stato associato a un aumento dal 30% al 40% del rischio di cancro del polmone tra gli uomini.

Quando è stata valutata la dose di supplemento media a 10 anni, c'è stato un aumento quasi doppio del rischio di tumore del polmone tra gli uomini nelle categorie più elevate di vitamina B6 ( più di 20 mg/die, hazard ratio, HR=1.82 ) e B12 ( più di 55 microg/die; HR=1.98 ) rispetto ai non-utilizzatori.

Per le vitamine B6 e B12, il rischio è stato ancora più alto tra gli uomini che erano fumatori al basale.
Inoltre, le associazioni di B6 e B12 erano evidenti in tutti i tipi istologici eccetto l'adenocarcinoma, che è il tipo meno correlato al fumo.

In conclusione, questa associazione specifica per sesso e fonte fornisce una ulteriore prova che gli integratori di vitamina B non sono chemiopreventivi per il cancro del polmone e possono essere dannosi. ( Xagena2017 )

Brasky TM et al, J Clin Oncol  2017; 35: 3440-3448

Onco2017 Pneumo2017 Farma2017


Indietro