Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Gastrobase.it

Sonniferi e aumentato rischio di mortalità


Uno studio ha confrontato più di 10.000 pazienti, trattati con farmaci per l’insonnia, con 23.000 pazienti simili che non assumevano tali farmaci.

Il rischio di morte tra gli utilizzatori è stato circa 4 volte superiore, sebbene il rischio assoluto sia rimasto ancora relativamente basso.

Le lineeguida britanniche hanno indicato che l'uso di farmaci ipnotici debba essere limitato a brevi periodi di tempo a causa del rischio di tolleranza al farmaco e di dipendenza.
Tuttavia non si fa menzione di un rischio di morte associato.

L’Agenzia regolatoria inglese, MHRA ( Medicines and Healthcare products Regulatory Agency ), prenderà in considerazione i risultati di questo studio per capire se può avere delle implicazioni per le attuali indicazioni di prescrizione.

Nel 2010, in Inghilterra, ci sono state 2.8 milioni di prescrizioni di Temazepam ( Normison ) e quasi 5.3 milioni per un altro sonnifero denominato Zopiclone ( Imovane ).
Ci sono state anche più di 725.000 prescrizioni per Zolpidem ( Stilnox ) e più di 9.400 per Zaleplon ( Sonata ).

L'ultimo studio ha esaminato una vasta gamma di sonniferi, compresi i farmaci utilizzati nel Regno Unito, come le benzodiazepine ( Diazepam e Temazepam ), non-benzodiazepine ( Zolpidem, Zopiclone e Zaleplon ), barbiturici e antistaminici sedativi.

I ricercatori del Jackson Hole Centre for Preventive Medicine in Wyoming e del Scripps Clinic Viterbi Family Sleep Centre in California hanno scoperto che le persone a cui sono state prescritte queste pillole avevano 4.6 volte più probabilità di morire nel corso di un periodo di 2.5 anni rispetto a quelli che non-utilizzavano questi farmaci.

Nel complesso, è deceduto un paziente ogni 16 nel gruppo con sonnifero ( 638 su 10.531 in totale ) rispetto a uno ogni 80 nel gruppo dei non-utilizzatori ( 295 morti su un totale di 23.674 soggetti ).

Questo aumento del rischio è risultato essere indipendente da altre condizioni di salute sottostanti, come malattie cardiache e polmonari, e altri fattori come il fumo e l'uso di alcol, che i ricercatori hanno cercato di escludere, per quanto possibile.

Non è però ancora chiaro perché le persone che assumono sonniferi possono essere a maggior rischio.

I farmaci sono sedativi e potrebbero rendere gli utilizzatori più inclini a cadere e più suscettibili ad incidenti.
Questi farmaci potrebbero anche alterare la respirazione durante il sonno, e sono stati collegati al rischio di suicidio.

In questo ultimo studio, i soggetti che prendevano le più alte dosi di sonniferi sono risultati a maggior rischio di sviluppare il cancro.

I dati dello studio devono essere confermati da ulteriori studi prima di poter trarre conclusioni definitive.

L'associazione tra mortalità e sedazione non è una novità, e questa ricerca afferma che le persone che assumono ipnotici hanno una maggiore probabilità di morire rispetto a coloro che non li prendono.
Tuttavia questi decessi potrebbero non essere stati causati dal farmaco. ( Xagena2012 )

Fonte: BMJ Open, 2012

Psyche2012 Farma2012


Indietro