Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Ruolo dei fattori di rischio cardiovascolare nell'associazione tra attività fisica e indicatori di integrità cerebrale negli anziani


L'attività fisica è stata associata a un ridotto rischio di demenza, ma i meccanismi alla base di questa associazione restano da determinare.
Si è valutato se i fattori di rischio cardiovascolare medino l'associazione tra attività fisica e marcatori di integrità cerebrale negli anziani.

Al basale, i partecipanti allo studio Age-Well hanno completato un questionario sull'attività fisica e sono stati sottoposti alla raccolta dei fattori di rischio cardiovascolare ( pressione sistolica, indice di massa corporea [ BMI ], stato attuale di fumatore e colesterolo HDL, colesterolo totale e livelli di insulina ) e neuroimaging multimodale ( MRI strutturale, MRI a diffusione, FDG-PET e PET FlorBetapir ).

Sono state condotte regressioni multiple per valutare l'associazione tra attività fisica, fattori di rischio cardiovascolare e neuroimaging. Sono state eseguite analisi di mediazione per verificare se i fattori di rischio cardiovascolare fossero in grado di mediare le associazioni tra attività fisica e neuroimaging.

Sono stati inclusi in totale 134 anziani cognitivamente non-compromessi ( età maggiore o uguale a 65 anni ).
Una maggiore attività fisica è stata associata a un volume di sostanza grigia ( GM ) più elevato ( beta=0.174, P=0.030 ) e al metabolismo cerebrale del glucosio ( beta=0.247, P=0.019 ) ma non con deposizione di amiloide o integrità della sostanza bianca.

Una maggiore attività fisica è stata associata a livelli di insulina e indice BMI più bassi, ma non agli altri fattori di rischio cardiovascolare.

Un livello di insulina e un indice BMI più bassi sono stati correlati a un volume di sostanza grigia più elevato ma non al metabolismo cerebrale del glucosio.

Durante il controllo del livello di insulina e dell'indice BMI, l'associazione tra attività fisica e metabolismo cerebrale del glucosio è rimasta invariata, mentre è stata persa l'associazione con il volume della materia grigia.
Quando il livello di insulina e l'indice BMI sono stati inseriti nello stesso modello, solo l'indice BMI è rimasto un predittore significativo del volume della materia grigia.

Le analisi di mediazione hanno confermato che il livello di insulina e l'indice BMI mediano l'associazione tra attività fisica e volume della materia grigia.
Le analisi sono state replicate all'interno delle regioni sensibili alla malattia di Alzheimer e i risultati sono rimasti nel complesso simili.

L'associazione tra attività fisica e volume della materia grigia è mediata da variazioni del livello di insulina e dell'indice BMI. Per contro, l'associazione con il metabolismo cerebrale del glucosio sembra essere indipendente dai fattori di rischio cardiovascolare.

Gli anziani impegnati in attività fisica sperimentano benefici cardiovascolari attraverso il mantenimento di un indice BMI e un livello di insulina più bassi, con conseguente maggiore integrità strutturale del cervello.
Questo studio ha implicazioni per la comprensione di come l'attività fisica influisca sulla salute del cervello e può aiutare a sviluppare strategie per prevenire o ritardare il declino legato all'età. ( Xagena2022 )

Felisatti F et al, Neurology 2022; 98: 2023-2035

Cardio2022 Neuro2022 Med2022



Indietro