Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Multivitaminici nella prevenzione della malattia cardiovascolare negli uomini


Anche se i multivitaminici sono utilizzati per prevenire le carenze vitaminiche e minerali, ci sono ipotesi che i multivitaminici possano prevenire le malattie cardiovascolari.

Studi osservazionali hanno mostrato associazioni incoerenti tra l'uso regolare di multivitaminici e malattie cardiovascolari, in assenza di studi clinici a lungo termine sull'uso di un multivitaminico.

Per determinare se l'integrazione a lungo termine con un multivitaminico fosse in grado di diminuire il rischio di eventi cardiovascolari maggiori tra gli uomini, è stato elaborato lo studio Physicians' Health Study II, uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, con un comune multivitaminico quotidiano, iniziato nel 1997 con trattamento continuato e follow-up fino a giugno 2011.

Sono stati arruolati in totale 14.641 medici maschi statunitensi di età iniziale compresa tra 50 o più anni ( in media, 64.3 anni ), di cui 754 uomini con una storia di malattia cardiovascolare al momento della randomizzazione.

L'endpoint primario era un composito di eventi cardiovascolari, inclusi infarto del miocardio non-fatale, ictus non-fatale e mortalità cardiovascolare.
Gli esiti secondari hanno incluso infarto miocardico e ictus, singolarmente.

Durante un follow-up mediano di 11.2 anni, si sono manifestati 1.732 eventi cardiovascolari maggiori.

Rispetto al placebo, non è stato riscontrato alcun effetto significativo del multivitaminico, assunto quotidianamente, sugli eventi cardiovascolari maggiori ( 11.0 e 10.8 eventi per 1000 anni-persona per il multivitaminico vs placebo, rispettivamente; hazard ratio [HR], 1.01; P=0.91 ).

Inoltre, il multivitaminico quotidiano non ha avuto effetto su infarto miocardico totale ( 3.9 e 4.2 eventi per 1000 anni-persona, HR=0.93; P=0.39 ), ictus totale ( 4.1 e 3.9 eventi per 1000 anni-persona, HR=1.06; P=0.48 ), o mortalità cardiovascolare ( 5.0 e 5.1 eventi per 1000 anni-persona, HR=0.95; P=0. 47 ).

Il multivitaminico quotidiano non è stato significativamente associato con la mortalità totale ( HR=0.94; P=0.13 ).

L'effetto di un multivitaminico, assunto con cadenza quotidiana, sugli eventi cardiovascolari maggiori non è stato differente fra gli uomini con o senza una storia di malattia cardiovascolare al basale ( P=0.62 per interazione ).

In conclusione, tra questa popolazione di medici americani di sesso maschile, l'assunzione di un multivitaminico quotidianamente non ha ridotto gli eventi cardiovascolari maggiori, infarto miocardico, ictus, e mortalità cardiovascolare dopo più di un decennio di trattamento e follow-up. ( Xagena2012 )

Sesso HD et al, JAMA 2012; 308: 1751-1760


Cardio2012 Farma2012


Indietro