Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Multivitaminici nella prevenzione del cancro negli uomini


I preparati multivitaminici rappresentano il più comune integratore alimentare; sono assunti da almeno un terzo degli adulti negli Stati Uniti.

Studi osservazionali non hanno fornito prove riguardanti le associazioni tra uso di multivitaminici ed incidenza totale e sito-specifica del cancro e della mortalità.

È stato elaborato uno studio su larga scala, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo ( Physicians' Health Study II ) di 14.641 medici maschi statunitensi di età iniziale compresa tra 50 anni o più ( media età, 64.3 anni ), tra cui 1.312 uomini con una storia di tumore al momento della randomizzazione, arruolati in uno studio multivitaminico comune che ha avuto inizio nel 1997 con trattamento e follow-up fino al 2011.

La misura di esito principale era lo sviluppo di cancro ( escluso tumore cutaneo non-melanoma ), mentre il tumore alla prostata, del colon-retto, e altre tipologie sito-specifiche erano tra gli endpoint secondari.

Durante un follow-up medio di 11.2 anni, ci sono stati 2.669 uomini con cancro confermato, tra cui 1.373 casi di carcinoma alla prostata e 210 casi di carcinoma del colon-retto.

Rispetto al placebo, gli uomini che hanno assunto un multivitaminico quotidianamente hanno avuto una riduzione statisticamente significativa nell'incidenza totale di tumore ( gruppo multivitaminico e placebo, 17.0 e 18.3 eventi, rispettivamente, per 1000 anni-persona; hazard ratio [HR], 0.92, P=0.04 ).

Non vi è stato alcun effetto significativo riguardo all’uso quotidiano di un multivitaminico sul cancro alla prostata ( gruppo multivitaminico e placebo, 9.1 e 9.2 eventi, rispettivamente, per 1000 anni-persona; HR=0.98; P=0.76 ), sul cancro al colon-retto ( gruppo multivitaminico e placebo, 1.2 e 1.4 eventi, rispettivamente, per 1000 anni-persona; HR=0.89; P=0.39 ), o su altri tumori sito-specifici.

Non è stata riscontrata alcuna differenza significativa nel rischio di mortalità per cancro (gruppo multivitaminico e placebo, 4.9 e 5.6 eventi, rispettivamente, per 1000 anni-persona; HR, 0.88; P=0.07).

L'uso giornaliero di multivitaminici è stato associato a una riduzione totale di cancro tra i 1.312 uomini con una storia di cancro al basale ( HR=0.73; P=0.02 ), ma senza differire in modo significativo per i 13.329 uomini inizialmente senza cancro ( HR=0.94; P=0.15; P per interazione=0.07 ).

In conclusione, in questo ampio studio di prevenzione su medici di sesso maschile, l'integrazione quotidiana con un multivitaminico ha modestamente, ma significativamente, ridotto il rischio totale di cancro. ( Xagena2012 )

Gaziano JM et al, JAMA 2012; 308: 1871-1880


Onco2012 Farma2012


Indietro