Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it
Reumabase.it

La supplementazione di Vitamina-D non ha alcun effetto sul rischio di malattie cardiovascolari e di cancro


La supplementazione di Vitamina-D non sembra impedire l’infarto miocardico, le fratture ossee, l’ictus, e il cancro.

Sono state eseguite due analisi utilizzando i risultati di 40 studi randomizzati e controllati sugli effetti della supplementazione di Vitamina D con o senza Calcio su infarto miocardico o cardiopatia ischemica ( 9 studi, 48.647 pazienti ), ictus o malattia cerebrovascolare ( 8 studi, 46.431 pazienti ), cancro ( 7 studi, 48.167 pazienti ); frattura ossea totale ( 22 studi, 76.497 pazienti ), e frattura dell'anca ( 12 studi, 27.834 pazienti ).

I ricercatori hanno, dapprima, eseguito una tradizionale meta-analisi per valutare le evidenze a disposizione; in un secondo tempo hanno effettuato una analisi sequenziale per valutare gli effetti del trattamento e la probabilità che studi futuri potessero alterare le stime.
Hanno calcolato le soglie utilizzando una riduzione del rischio del 15% per tutti gli eventi ad eccezione della mortalità, per la quale hanno usato una riduzione del rischio del 5%.

La supplementazione di Vitamina-D con o senza Calcio non ha avuto alcun effetto sull’infarto del miocardio ( RR=1.04 ), cardiopatia ischemica / malattia cardiovascolare ( RR=1.12 ), ictus ( RR=1 ) o malattia cerebrovascolare ( RR=1.05 ).

Non sono state riscontrate interazioni tra le concentrazioni basali di 25-Idrossivitamina D ( 25-OH-D ), le concentrazioni di 25-Idrossivitamina D raggiunte, o la durata del trattamento per ciascuno di questi endpoint.

La supplementazione di Vitamina D con o senza Calcio non ha avuto alcun effetto sulle fratture ossee totali ( RR=0.95 ), e la supplementazione di Vitamina D, assunta senza Calcio, non ha esercitato alcun effetto sulla incidenza di frattura dell'anca ( RR=1.11 ).
Tuttavia, la supplementazione di Vitamina D associata al Calcio ha ridotto le fratture dell'anca ( RR=0.84 ).

Nessuno dei risultati delle analisi sequenziali che hanno valutato gli effetti della Vitamina-D con o senza Calcio su infarto miocardico, cardiopatia ischemica, ictus e malattie cerebrovascolari, frattura ossea totale o frattura dell'anca, ha dimostrato che la supplementazione di Vitamina-D non riduce il rischio di questi endpoint del 15% o misura maggiore.

Le tradizionali meta-analisi avevano indicato che la Vitamina-D con o senza Calcio era in grado di ridurre il rischio di mortalità del 4%, ma l'analisi sequenziale non ha confermato questo dato.

L’evidenza contro il beneficio della Vitamina-D è abbastanza forte che l'aggiunta, in futuro, di studi positivi non sarebbero in grado di modificare i risultati.

Pertanto, secondo i ricercatori, i medici non dovrebbero prescrivere la Vitamina-D per gli esiti studiati.

In un editoriale, Karl Michaelsson dell'Università di Uppsala ( Svezia ), ha sottolineato che le prove esistenti non forniscono elementi a sostegno alla diffusa credenza che la supplementazione di Vitamina-D in generale previene l'osteoporosi, le fratture e le malattie non-scheletriche.
C’è il timore che la supplementazione di Vitamina D possa causare danni. ( Xagena2014 )
Fonte: The Lancet Diabetes and Endocrinology, 2014

Cardio2014 Onco2014 Endo2014 Farma2014


Indietro