Forum Ematologico 2023-2024
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

La isterectomia non è correlata a maggiore rischio di depressione


Le donne che entrano improvvisamente in menopausa chirurgica a seguito di isterectomia non hanno disturbi dell'umore più gravi rispetto alle donne che entrano in menopausa in modo graduale e naturale.

I ricercatori che hanno seguito quasi 2.000 donne di mezza età per 10 anni hanno scoperto che coloro che erano state sottoposte ad isterectomia, con o senza asportazione dell'ovaio, hanno avuto la stessa probabilità delle donne andate in menopausa naturalmente di sperimentare la depressione o l'ansia; per tutte le donne, la sintomatologia di questi disturbi si è attenuata nel giro di pochi anni.

Anche se gli studi precedenti hanno dimostrato un legame tra isterectomia e rischio di depressione, non ci sono dati per affermare che la procedura sia responsabile di questa alterazione dell’umore.
Inoltre non è noto se i sintomi della menopausa indotta chirurgicamente siano diversi da quelli delle donne che vanno in menopausa in modo naturale.

Circa 600.000 donne negli Stati Uniti vengono sottoposte ad un intervento di isterectomia ogni anno, secondo i CDC ( Centers for Disease Control and Prevention ).
Tra le donne che si sottopongono a isterectomia, al 55-80% di loro viene anche praticata ovariectomia, con conseguente induzione quasi immediata di menopausa.

Il cambiamento dei livelli ormonali di una donna, naturale o indotto, porta alla menopausa, e negli anni immediatamente successivi spesso contribuisce a una serie di sintomi, quali ansia e depressione, insonnia e vampate di calore.

Per capire se una rapida transizione alla menopausa attraverso la chirurgia modifica i sintomi associati, è stata esaminata una bancadati.

Sono state monitorate circa 2.000 donne tra i 42 e 52 anni nel periodo 1996-1997, e sono state seguite per più di 10 anni.
Durante questo periodo, 1.793 donne sono andate in menopausa in modo naturale, 76 hanno avuto un intervento di isterectomia elettiva e 101 hanno avuto un intervento di isterectomia elettiva e rimozione delle ovaie.

Tutte le donne erano in pre-menopausa all'inizio dello studio e presentavano un punteggio pressoché identico su una scala di misura della depressione, scala che va da 0 a 60, con i punteggi più elevati che rappresentano depressione più grave ( una persona con un punteggio inferiore a 16 non è considerata depressa ).

Per tutti e tre i gruppi di donne, il punteggio alla scala di depressione è diminuito dal momento in cui sono entrate in menopausa alla fine del periodo di studio, e circa con gli stessi tassi.

Per le donne entrate in menopausa naturalmente, i punteggi sono scesi da 8.6 a 7.8.
Coloro che hanno subito un'isterectomia hanno ridotto il proprio punteggio da 9.37 a 9.08, e anche in coloro che avevano subito rimozione delle ovaie il punteggio è diminuito da 10.96 a 8.91.

Nel complesso, lo studio ha mostrato che i sintomi di depressione nelle donne che sono state sottoposte a una isterectomia diminuiscono in modo molto simile a quello delle donne che hanno avuto una menopausa naturale. ( Xagena2012 )

Fonte: Obstetrics & Gynecology, 2012

Gyne2012 Chiru2012 Psyche2012



Indietro