Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Integrazione di vitamine, minerali e multivitaminici per prevenire malattie cardiovascolari e cancro: raccomandazione della Preventive Services Task Force degli Stati Uniti


Secondo i dati dell'indagine NHANES ( National Health and Nutrition Examination Survey ), il 52% degli adulti statunitensi ha riferito di aver utilizzato almeno 1 integratore alimentare nei 30 giorni precedenti, e il 31% ha riferito di aver utilizzato un integratore multivitaminico-minerale.

Il motivo più comunemente citato per l'utilizzo di integratori è per la salute e il benessere generale e per colmare le lacune nutrizionali nella dieta.
Le malattie cardiovascolari e i tumori sono le 2 principali cause di morte e insieme rappresentano circa la metà di tutti i decessi negli Stati Uniti ogni anno.

È stato dimostrato che l'infiammazione e lo stress ossidativo hanno un ruolo sia nelle malattie cardiovascolari che nel cancro e gli integratori alimentari possono avere effetti antinfiammatori e antiossidanti.

Per aggiornare la sua raccomandazione del 2014, la US Preventive Services Task Force ( USPSTF ) ha commissionato una revisione delle evidenze sull'efficacia dell'integrazione con singoli nutrienti, coppie di nutrienti funzionalmente correlati o multivitaminici per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, tumore e mortalità nella popolazione adulta generale non-gravida, così come i danni dell’integrazione.

L'USPSTF ha concluso con moderata certezza che i danni dell’integrazione di Beta-carotene superano i benefici per la prevenzione delle malattie cardiovascolari o del tumore.

L'USPSTF ha concluso inoltre con moderata certezza che non vi è alcun beneficio netto dell'integrazione con Vitamina-E per la prevenzione delle malattie cardiovascolari o del tumore.

L'USPSTF ha concluso che le prove sono insufficienti per determinare l'equilibrio tra benefici e danni dell'integrazione con multivitaminici per la prevenzione delle malattie cardiovascolari o del cancro.
Mancano evidenze e non è possibile determinare l'equilibrio tra benefici e danni.

L'USPSTF ha concluso che le evidenze sono insufficienti per determinare l'equilibrio tra benefici e danni dell'integrazione con nutrienti singoli o accoppiati ( diversi dal Beta-carotene e dalla Vitamina-E ) per la prevenzione delle malattie cardiovascolari o del tumore.
Mancano evidenze e non è possibile determinare l'equilibrio tra benefici e danni.

L'USPSTF ha sconsigliato l'uso di integratori di Beta-carotene o Vitamina-E per la prevenzione delle malattie cardiovascolari o del cancro.
L'USPSTF ha concluso che le evidenze attuali non sono sufficienti per valutare l'equilibrio tra benefici e danni dell'uso di integratori multivitaminici per la prevenzione delle malattie cardiovascolari o del cancro.

L'USPSTF ha concluso che le evidenze attuali non sono sufficienti per valutare l'equilibrio tra benefici e danni dell'uso di integratori di nutrienti singoli o accoppiati ( diversi dal Beta-carotene e dalla Vitamina-E ) per la prevenzione delle malattie cardiovascolari o del cancro. ( Xagena2022 )

US Preventive Services Task Force, JAMA 2022; 327: 2326-2333

Med2022 Nutri2022 Cardio2022 Onco2022 Farma2022


Indietro