Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Cardiobase

Integratori antiossidanti correlati a un aumentato rischio di recidiva e di mortalità nelle pazienti con cancro al seno


Uno studio prospettico ha mostrato che l'impiego di integratori antiossidanti durante la chemioterapia, oltre a Ferro e Vitamina B12, da parte dei pazienti con carcinoma mammario può aumentare il rischio di recidiva e morte per malattia.

Secondo i ricercatori, sebbene lo studio fosse osservazionale e il numero di utilizzatori di integratori fosse abbastanza piccolo, i risultati appaiono essere convincenti.
I pazienti che assumevano antiossidanti prima e durante la chemioterapia hanno mostrato un aumentato rischio di ritorno del carcinoma mammario e, in misura minore, un aumento del rischio di morte.
Anche l'impiego di Vitamina B12, Ferro e Acidi grassi Omega-3 è risultato associato a risultati sfavorevoli.

Molti pazienti con cancro impiegano integratori alimentari durante il trattamento. Tuttavia, esistono pochi dati sull'efficacia e la sicurezza di questi integratori per guidare le raccomandazioni cliniche per il loro uso durante la chemioterapia.
Inoltre, poiché uno dei meccanismi citotossici alla base delle terapie antitumorali è attraverso la generazione di specie reattive dell'ossigeno ( ROS ), sono stati espressi dubbi sul fatto che gli integratori alimentari, in particolare gli antiossidanti, siano in grado di ridurre l'efficacia del trattamento.

E' stata condotta una analisi di dieta, esercizio fisico, stile di vita e prognosi oncologica ( DELCaP ), correlata allo studio randomizzato di fase 3 SWOG S0221, per esaminare le associazioni tra l'uso di integratori e gli esiti del cancro alla mammella.

Lo studio ha incluso pazienti con carcinoma mammario che erano stati assegnati in modo casuale a diversi programmi di trattamento con Doxorubicina, Ciclofosfamide e Paclitaxel.
E' stato chiesto ai partecipanti di completare i sondaggi sull'uso degli integratori alla randomizzazione e al completamento della chemioterapia.

Dei 2.014 pazienti eleggibili per questa parte dello studio, 1.134 hanno restituito i sondaggi. I ricercatori hanno indicizzato la ricorrenza e la sopravvivenza del carcinoma mammario a 6 mesi dopo l'arruolamento attraverso un approccio fondamentale.

La prevalenza dell'uso di integratori, in particolare gli antiossidanti, è risultata bassa rispetto ai rapporti pubblicati sull'uso tra pazienti con tumore e tendeva a diminuire durante il trattamento.

Prima del trattamento, il 20.5% dei pazienti assumeva la Vitamina C. Nel corso della terapia l'uso è sceso al 12.2%.
Meno del 10% dei pazienti ha assunto sia la vitamina A che la vitamina E durante il trattamento, mentre il 17.5% ha fatto impiego di almeno un antiossidante.
Inoltre, il 44% dei pazienti ha assunto multivitaminici durante la chemioterapia.

I risultati hanno mostrato associazioni tra l'uso di qualsiasi integratore antiossidante, tra cui Vitamina-A, Vitamina-C e Vitamina-E, nonché carotenoidi e coenzima Q10, prima e durante il trattamento e un aumento del rischio di recidiva del cancro al seno ( HR aggiustato [ aHR ] = 1.41; IC al 95%, 0.98-2.04 ) e di mortalità ( aHR = 1.4; IC al 95%, 0.9-2.18 ). ( Xagena2019 )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2019

Onco2019 Gyne2019 Farma2019


Indietro