Xagena Mappa
Medical Meeting
Ematobase.it
Neurobase.it

Il consumo regolare di Caffeina non sembra aumentare i battiti cardiaci


Contrariamente all’attuale credo clinico, il regolare consumo di Caffeina non sembra aumentare i battiti cardiaci irregolari, che, pur comuni, possono portare in rari casi a morbilità e mortalità cardiaca o ictus-correlata.

Lo studio, che ha misurato il consumo cronico di prodotti contenenti Caffeina nel corso di un periodo di 12 mesi, piuttosto che il consumo acuto, è stato pubblicato sul Journal of American Heart Association.
È il più grande studio fino ad oggi ad aver valutato le abitudini alimentari in relazione ai battiti cardiaci irregolari.

Pertanto, secondo i ricercatori dell’University of California – San Francisco ( Stati Uniti ), le raccomandazioni contro il consumo regolare di prodotti contenenti Caffeina per prevenire disturbi del ritmo cardiaco devono essere riconsiderate.

Le eccessive contrazioni atriali premature ( anche note come extrasistoli atriali ) possono causare la fibrillazione atriale, mentre le eccessive contrazioni ventricolari premature ( anche note come extrasistoli ventricolari ) hanno dimostrato di provocare un aumento della insufficienza cardiaca, malattia coronarica, e in alcuni casi sono correlate a mortalità.
Entrambe le anomalie sono state correlate al consumo di Caffeina attraverso studi e sperimentazioni, ma questi studi sono stati eseguiti diversi decenni fa, e non avevano come endpoint primario le contrazioni premature atriali e ventricolari.

Le linee guida dell’American College of Cardiology / American Heart Association riguardanti la gestione dello stato delle contrazioni premature ventricolari indicano che i potenziali fattori che possono esacerbare le contrazioni premature ventricolari come la Caffeina, l’alcol e la Nicotina dovrebbero essere evitati.

Un numero crescente di dati, invece, sottolinea i potenziali benefici cardiovascolari di diversi prodotti contenenti Caffeina come caffè, cioccolato e tè.

Attualmente, i medici sono incerti se consigliare ai pazienti di consumare prodotti contenenti Caffeina.

Nello studio, Gregory Marcus e i suoi colleghi della Divisione di Cardiologia dell’UCSF, hanno analizzato 1.388 soggetti selezionati in modo casuale dal database Cardiovascular Health Study promosso dal NHLBI ( National Heart, Lung, and Blood Institute ) di quasi 6.000 pazienti, escludendo quelli con extrasistolia persistente.

I soggetti prescelti sono stati sottoposti a valutazione della frequenza alimentare di base e a monitoraggio elettrocardiografico ambulatoriale per 24 ore.
Le frequenze di consumo abituale di caffè, tè e cioccolato sono state ottenute attraverso un questionario.

Sul totale dei partecipanti, 840 ( 61% ) hanno consumato più di un prodotto a base di Caffeina al giorno.

I ricercatori non hanno trovato differenze nel numero di extrasistoli atriali o extrasistoli ventricolari all'ora tra i diversi livelli di consumo di caffè, tè e di cioccolato.
Il consumo più frequente di questi prodotti con Caffeina non è risultato associato a un numero più elevato di battiti cardiaci irregolari.

Questo è il primo studio basato sulla comunità ad analizzare l'impatto della Caffeina sulla extrasistolia. Ulteriori studi dovranno chiarire l’effetto del consumo acuto dei prodotti contenenti Caffeina sui battiti cardiaci irregolari. ( Xagena2016 )

Fonte: University of California - San Francisco ( UCSF ), 2016

Cardio2016 Med2016



Indietro