Xagena Mappa
Medical Meeting
Pneumobase.it
Farmaexplorer.it

I vegetali nella dieta possono ridurre il rischio di pancreatite


Una dieta ricca di vegetali sembra essere protettiva verso la pancreatite acuta non-correlata a calcoli biliari, come mostrato dai risultati di uno studio di coorte del Karolinska Institutet di Stoccolma ( Svezia ).

I pazienti che hanno consumato il maggior numero di porzioni di vegetali hanno avuto un rischio significativamente inferiore di sviluppare pancreatite acuta non-correlata a calcoli biliari rispetto a quelli che hanno mangiato il minor numero di porzioni ( rischio relativo, RR 0.55, P=0.01 ).

L'effetto protettivo del maggior consumo di vegetali è stato più pronunciato nei pazienti che hanno bevuto più di una bevanda alcolica ( più di 13 g ) al giorno e nei pazienti in sovrappeso ( indice BMI maggiore o uguale a 25 kg/m2 ).

Lo studio prospettico di coorte basato sulla popolazione ha seguito 80.019 cittadini svedesi per una media di 11.1 anni per misurare i possibili effetti e i benefici di alimenti ricchi di antiossidanti sul rischio di pancreatite acuta.

I pazienti, all'inizio dello studio, avevano un'età compresa tra 46 e 84 anni.

Durante il periodo di studio sono stati registrati i casi incidenti di pancreatite acuta non-correlata a calcoli biliari, senza una precedente storia di malattia pancreatica esocrina.

I consumi di frutta e verdura, secondo quanto indicato dall'indagine al basale, sono stati suddivisi in quintili per le misurazioni di follow-up.

Nel corso dello studio, ci sono stati 320 casi di pancreatite acuta non-correlata a calcolosi biliare.
C'è stata una significativa associazione inversa tra il consumo di verdura e il rischio di pancreatite, con una riduzione del rischio del 44% per il quintile più alto di consumo di verdura rispetto al quintile più basso, dopo aggiustamento per età, sesso e altri potenziali fattori confondenti.

Nel modello multivariato, due porzioni aggiuntive di verdura sono state associate a una riduzione del rischio del 17% ( RR=0.83, P=0.03 ).

Non c'è stata alcuna associazione significativa tra consumo di frutta e riduzione del rischio per la pancreatite acuta, dato attribuito al contenuto di fruttosio della frutta.

Tra i partecipanti che hanno consumato più di una bevanda alcolica al giorno, quelli nel più alto quintile di consumo di verdura hanno avuto una diminuzione del 71% del rischio di pancreatite rispetto a quelli nel più basso quintile ( RR=0.29, P minore 0.01 ).

Allo stesso modo, tra i partecipanti in sovrappeso, quelli che hanno mangiato più verdure hanno avuto un rischio inferiore del 51% rispetto a quelli che ne hanno consumate meno ( RR=0.49, P=0.02 ).

La differenza di rischio tra i consumatori di alte e basse quantità di verdure è aumentata con l'aumentare dell'indice di massa corporea o la quantità di alcol consumato al giorno.

Non c'è stata alcuna differenza significativa tra fumatori e non-fumatori rispetto al rischio relativo di consumo di verdure e pancreatite. ( Xagena2012 )

Fonte: Gut, 2012

Gastro2012 Med2012



Indietro