Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Esercizio vigoroso nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica


Non è noto se un esercizio di intensità vigorosa sia associato a un aumento del rischio di aritmie ventricolari nei soggetti con cardiomiopatia ipertrofica ( HCM ).

Si è determinato se l'impegno in esercizi vigorosi sia associato a un aumento del rischio di aritmie ventricolari e/o di mortalità nei soggetti con cardiomiopatia ipertrofica.

L'ipotesi a priori era che i partecipanti impegnati in attività vigorose non avevano maggiori probabilità di avere un evento aritmico o di morire rispetto a quelli che riferivano un'attività non-vigorosa.

È stato condotto uno studio di coorte prospettico, avviato dallo sperimentatore.
I partecipanti sono stati arruolati nel periodo 2015-2019, con completamento nel 2022.
I partecipanti sono stati classificati in base ai livelli di attività fisica auto-riferiti: sedentario, esercizio moderato o ad intensità vigorosa.

Si è trattato di un Registro multicentrico e osservazionale con reclutamento in 42 Centri per la cardiomiopatia ipertrofica ad alto volume negli Stati Uniti e a livello internazionale; i pazienti potevano anche iscriversi autonomamente.

Sono stati arruolati individui di età compresa tra 8 e 60 anni con diagnosi di cardiomiopatia ipertrofica o genotipo positivo senza ipertrofia ventricolare sinistra ( fenotipo negativo ) senza condizioni che impedissero l'esercizio fisico.

L'endpoint composito primario prespecificato comprendeva morte, arresto cardiaco improvviso rianimato, sincope aritmica e shock appropriato da un defibrillatore cardioverter impiantabile.

Tutti gli eventi di esito sono stati giudicati da un Comitato per gli eventi in cieco rispetto alla categoria di esercizio del paziente.

Tra i 1.660 partecipanti totali ( età media, 39 anni; 996 maschi, 60% ), 252 ( 15% ) sono stati classificati come sedentari e 709 ( 43% ) hanno partecipato a un esercizio moderato. Tra i 699 individui ( 42% ) che hanno partecipato ad esercizi di intensità vigorosa, 259 ( 37% ) hanno partecipato in modo competitivo.

In totale 77 individui ( 4.6% ) hanno raggiunto l'endpoint composito. Questi individui includevano 44 ( 4.6% ) di quelli classificati come non-vigorosi e 33 ( 4.7% ) di quelli classificati come vigorosi, con tassi corrispondenti rispettivamente di 15.3 e 15.9 per 1.000 anni-persona.

Nell'analisi di regressione multivariata di Cox dell'endpoint composito primario, gli individui impegnati in esercizi vigorosi non hanno avuto un tasso di eventi più elevato rispetto al gruppo non-vigoroso con un hazard ratio aggiustato ( aHR ) di 1.01.

Il livello di confidenza unilaterale superiore del 95% era 1.48, che era inferiore al limite prespecificato di 1.5 per la non-inferiorità.

I risultati di questo studio di coorte hanno indicato che tra gli individui con cardiomiopatia ipertrofica o quelli che sono genotipo positivo / fenotipo negativo e sono stati trattati in Centri con esperienza, quelli che hanno svolto esercizi vigorosamente non hanno avuto un tasso più elevato di morte o di aritmie pericolose per la vita rispetto a quelli che hanno svolto esercizi moderatamente o coloro che erano sedentari. ( Xagena2023 )

Lampert R et al, JAMA Cardiol 2023; 8: 595-605

Cardio2023



Indietro