Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Effetto dell’integrazione con Vitamina-D ad alto dosaggio sulla densità ossea volumetrica e sulla resistenza ossea


Pochi studi hanno valutato gli effetti delle dosi giornaliere di Vitamina-D pari o maggiori al livello di assunzione superiore tollerabile per 12 mesi o più, ma il 3% degli adulti statunitensi riporta una assunzione di Vitamina-D di almeno 4000 UI al giorno.

È stato valutato l'effetto dose-dipendente dell’integrazione di Vitamina-D sulla densità minerale ossea ( BMD ) volumetrica e sulla forza.

È stato condotto uno studio clinico di 3 anni, in doppio cieco, randomizzato, in un singolo centro a Calgary, in Canada, dal 2013 al 2017, con 311 adulti sani residenti in comunità senza osteoporosi, di età compresa tra 55 e 70 anni, con livelli basali di 25-idrossivitamina-D ( 25-OH-D ) da 30 a 125 nmol/l.

Sono state somministrate dosi giornaliere di vitamina D3 per 3 anni a 400 UI ( n=109 ), 4.000 UI ( n=100 ) o 10.000 UI ( n=102 ).
È stata fornita un'integrazione di Calcio ai partecipanti con un apporto dietetico inferiore a 1.200 mg al giorno.

Gli esiti co-primari erano la densità minerale ossea volumetrica totale di radio e tibia, valutata con tomografia computerizzata quantitativa periferica ad alta risoluzione, e la resistenza ossea ( carico di rottura ) di radio e tibia stimata mediante analisi degli elementi finiti.

Su 311 partecipanti randomizzati ( 53% uomini; età media 62.2 anni ), 287 ( 92% ) hanno completato lo studio.

I livelli basali a 3 mesi e a 3 anni di 25-OH-D erano 76.3, 76.7 e 77.4 nmol/l per il gruppo 400 UI; 81.3, 115.3 e 132.2 per il gruppo 4.000 UI; e 78.4, 188.0 e 144.4 per il gruppo 10.000 UI.

Al termine della sperimentazione, la densità minerale ossea volumetrica radiale era inferiore per il gruppo di 4.000 UI ( -3.9 mg HA/cm3 ) e gruppo 10.000 UI ( -7.5 mg HA/cm3 ) rispetto al gruppo 400 UI con variazione percentuale media della densità minerale ossea volumetrica di -1.2% ( gruppo 400 UI ), -2.4% ( gruppo 4.000 UI ) e -3.5% ( gruppo 10.000 UI ).

Le differenze volumetriche tibiali della densità minerale ossea rispetto al gruppo 400 UI erano di -1.8 mg HA/cm3 nel gruppo 4.000 UI e di -4.1 mg HA/cm3 nel gruppo 10.000 UI, con valori di variazione percentuale media di -0.4% ( 400 UI ), -1.0% ( 4.000 UI ) e -1.7% ( 10.000 UI ).

Non ci sono state differenze significative per i cambiamenti nel carico di rottura ( radio, P=0.06; tibia, P=0.12 ).

In conclusione, tra gli adulti sani, il trattamento con Vitamina-D per 3 anni alla dose di 4.000 UI al giorno o 10.000 UI al giorno, rispetto a 400 UI al giorno, ha determinato una inferiore densità BMD radiale statisticamente significativa; la densità BMD tibiale è risultata significativamente più bassa solo con la dose di 10.000 UI al giorno.
Non ci sono state differenze significative nella forza ossea né nel radio né nella tibia.
Questi risultati non hanno mostrato un beneficio dall'integrazione di Vitamina-D ad alte dosi per la salute delle ossa.
Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se la supplementazione di Vitamina-D possa essere dannosa. ( Xagena2019 )

Burt LA et al, JAMA 2019; 322: 736-745

Endo2019 Farma2019


Indietro