Forum Infettivologico
Alliance Cicatrici
Alliance Dermatite
Xagena Newsletter

Effetto dell’integrazione con Acidi grassi Omega-3 di origine marina sul rischio di adenomi colorettali e polipi seghettati nella popolazione generale degli Stati Uniti


E' stato ipotizzato che gli Acidi grassi Omega-3 di origine marina siano in grado di proteggere dal tumore del colon-retto.

È stato valutato l'effetto dell’integrazione quotidiana di Acidi grassi marini Omega-3 sul rischio di precursori del cancro del colon-retto, inclusi adenomi convenzionali e polipi seghettati, in uno studio ausiliario prespecificato dello studio clinico randomizzato e controllato con placebo VITAL ( Vitamin D and Omega-3 Tria l).

È stata utilizzata un'analisi intent-to-treat ( ITT ) per esaminare l'effetto degli integratori di Omega-3 marini giornalieri tra 25.871 adulti nella popolazione generale degli Stati Uniti ( inclusi 5.106 afroamericani ) liberi da tumore e malattie cardiovascolari al momento dell'arruolamento.
La randomizzazione è stata effettuata tra il 2011 e il 2014.

Sono stati somministrati Acidi grassi Omega-3 marini, 1 g al giorno ( che includeva Acido Eicosapentaenoico 460 mg e Acido Docosaesaenoico 380 mg ) e Vitamina D3 ( 2.000 UI al giorno ).

L’esito principale era il rischio di adenomi convenzionali ( inclusi adenoma tubulare, adenoma tubulovilloso, adenoma villoso e adenoma con displasia di alto grado ) o polipi seghettati ( inclusi polipo iperplastico, adenoma seghettato tradizionale e polipo seghettato sessile ).

In un sottogruppo di partecipanti che hanno riferito di aver ricevuto una diagnosi di polipo ai questionari di follow-up, sono stati ottenuti esiti di esami endoscopici e patologici per confermare la diagnosi.

Gli odds ratio ( OR ) sono stati calcolati dopo aggiustamenti per età, sesso, assegnazione al trattamento con Vitamina-D e uso dell'endoscopia.
Sono state eseguite analisi secondarie in base alle caratteristiche del polipo e alle caratteristiche dei partecipanti.

Le caratteristiche demografiche dei partecipanti alla randomizzazione erano ben bilanciate tra il gruppo di trattamento e il gruppo placebo; per esempio, il 50.6% versus il 50.5% erano donne e il 19.7% vs il 19.8% erano persone afroamericane incluse in ciascun gruppo.

L'età media era di 67.1 anni nel gruppo placebo e 67.2 nel gruppo di trattamento con Omega-3.

Durante un follow-up mediano di 5.3 anni, sono stati documentati 294 casi di adenomi convenzionali nel gruppo Omega-3 e 301 nel gruppo di controllo ( OR multivariabile, 0.98; rapporto 1:1 tra numero di casi e numero di partecipanti ).

Inoltre, sono stati documentati 174 casi di polipi seghettati nel gruppo Omega-3 e 167 nel gruppo di controllo ( OR, 1.05 ).
Sono state trovate associazioni nulle per i sottogruppi di polipi in base a dimensione, posizione, molteplicità o istologia.

Nelle analisi secondarie, il trattamento con Omega-3 marini è sembrato essere associato a un minore rischio di adenomi convenzionali tra gli individui con bassi livelli plasmatici di Omega-3 indice al basale ( OR, 0.76; P=0.03 per interazione per Omega-3 indice ).

È stata notata una associazione benefica dell’integrazione anche nella popolazione afroamericana ( OR, 0.59 ) ma non in altri gruppi etnici ( P=0.11 per l'interazione ).

L'integrazione con Acidi grassi Omega-3 di origine marina, 1 g al giorno, non è stata associata a un rischio ridotto di precursori del tumore del colon-retto.
Un potenziale beneficio di questa integrazione per gli individui con bassi livelli basali di Omega-3 o per le persone afroamericane richiede un'ulteriore conferma. ( Xagena2020 )

Song M et al, JAMA Oncol 2020; 6: 108-115

Gastro2020 Onco2020 Farma2020


Indietro