Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Dermabase.it

Effetti della supplementazione con Acido Folico sulla incidenza generale e sito-specifica di cancro


In alcuni Paesi la farina viene fortificata con Acido Folico per prevenire difetti del tubo neurale ma altri no, in parte a causa dei timori relativi ai possibili rischi di cancro.

È stato condotto uno studio allo scopo di valutare gli effetti sui tassi di cancro sito-specifici negli studi randomizzati sulla supplementazione di Acido Folico, a dosi più elevate di quelle della fortificazione.

In queste meta-analisi, sono stati inclusi tutti gli studi completati entro il 2011 che hanno confrontato l’Acido Folico versus placebo, avevano una durata di trattamento di almeno 1 anno, includevano almeno 500 partecipanti e avevano registrato dati sull’incidenza di cancro.

Sono stati ottenuti dataset dei singoli pazienti che includevano 49 621 partecipanti da 13 studi analizzati ( 10 su Acido Folico per la prevenzione di malattia cardiovascolare [ n=46 969 ] e 3 in pazienti con adenoma colorettale [ n=2 652 ] ).

L’esito primario era il cancro incidente ( escluso il tumore della pelle diverso da melanoma ) durante il previsto periodo di trattamento ( nei partecipanti che erano ancora liberi da cancro ).

Sono stati confrontati i pazienti assegnati al gruppo Acido Folico con quelli del gruppo placebo.

Durante una durata media del trattamento di 5.2 anni, la collocazione al gruppo Acido Folico ha quadruplicato le concentrazioni plasmatiche di Acido Folico ( 57.3 nmol/L per i gruppi Acido Folico vs 13.5 nmol/L per i gruppi placebo ), ma non ha avuto un effetto significativo sulla incidenza generale di tumore ( 1904 tumori nei gruppi Acido Folico vs 1809 nei gruppi placebo, RR=1.06, p=0.10 ).

Non sono emerse tendenze verso un effetto maggiore con trattamenti più prolungati.

Non è stata osservata eterogeneità tra i risultati dei 13 studi individuali ( p=0.23 ), o tra i 2 risultati generali negli studi di prevenzione cardiovascolare e negli studi su adenoma ( p=0.13 ).

Inoltre, non è emerso un effetto significativo della supplementazione di Acido Folico sulla incidenza di tumore di intestino crasso, prostata, polmone, mammella o altri siti specifici.

In conclusione, la supplementazione con Acido Folico non ha aumentato o diminuito sostanzialmente l’incidenza di cancro sito-specifica durante i primi 5 anni di trattamento.
La fortificazione di farina e altri cereali avviene con dosi di Acido Folico che sono, in media, un ordine di grandezza più piccole di quelle utilizzate in questi studi. ( Xagena2013 )

Vollset SE et al, Lancet 2013; 381: 1029-1036

Onco2013 Farma2013


Indietro