Xagena Mappa
Medical Meeting
Farmaexplorer.it
Mediexplorer.it

E-sigarette: non aiutano a smettere di fumare o a fumare di meno


Uno studio longitudinale, basato sul Web, ha mostrato che le sigarette elettroniche ( e-sigarette ) non aiutano i fumatori a smettere di fumare o a fumare di meno.

I fumatori che hanno riferito un uso di e-sigarette al basale non avevano una significativamente più elevata probabilità di smettere di fumare tabacco 1 anno dopo ( odds ratio, OR=0.71, P=0.35 ).

Lo stesso vale per l'uso delle e-sigarette 30 giorni prima di aver manifestato intenzione di base di smettere di fumare le sigarette e di uscire da questa dipendenza ( OR=0.76, P=0.46 ).

Tra le persone che non hanno smesso di fumare, il vaping ( vaporizzazione ) non è stato associato a fumare meno sigarette nel corso del tempo ( P=0.25 ).

L'analisi di 949 fumatori in un gruppo rappresentativo a livello nazionale seguiti dal 2011 al 2012 mediante uno studio basato sul Web ha fornito risultati simili a quelli di studi basati sulla popolazione.

Le sigarette elettroniche non hanno tutti i composti cancerogeni presenti nel tabacco che brucia, tuttavia non si deve ritenere che le e-sigarette siano completamente sicure.
L’Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ), ha trovato nitrosammine cancerogene e il Dietilenglicole nelle soluzioni di Nicotina delle e-sigarette. ( Xagena )

Fonte: JAMA Internal Medicine, 2014

Psyche2014 Med2014



Indietro