Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Consumo di carne, pesce, latticini e uova e rischio di cardiopatia ischemica


Vi è incertezza sulla rilevanza dei cibi di derivazione animale nella patogenesi della cardiopatia ischemica.
Sono stati esaminati carne, pesce, latticini e uova e il rischio di malattia cardiaca di natura ischemica nella coorte paneuropea EPIC ( European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition ).

In questo studio prospettico su 409.885 uomini e donne in 9 Paesi europei, la dieta è stata valutata con questionari validati e calibrata con richiami a 24 ore.
I lipidi e la pressione arteriosa sono stati misurati in un sottocampione.

Durante una media di 12.6 anni di follow-up, 7.198 partecipanti hanno avuto un infarto del miocardio o sono morti di cardiopatia ischemica.
Le relazioni tra alimenti animali e rischio sono state esaminate con aggiustamento per altri alimenti animali e relative covariate.

L'hazard ratio ( HR ) per cardiopatia ischemica era 1.19 per un incremento di 100 g/d nell'assunzione di carni rosse e trasformate, e questo è rimasto significativo dopo l'esclusione dei primi 4 anni di follow-up ( HR, 1.25 ).

Il rischio era inversamente associato all'assunzione di yogurt ( HR, 0.93 per incremento di 100 g/d ), formaggio ( HR, 0.92 per incremento di 30 g/d ) e uova ( HR, 0.93 per incremento di 20 g/d ); le associazioni con yogurt e uova sono state attenuate e non significative dopo l'esclusione dei primi 4 anni di follow-up.
Il rischio non era significativamente associato con l'assunzione di pollame, pesce o latte.

Nelle analisi che hanno modellato le sostituzioni dietetiche, la sostituzione di 100 kcal/d di carne rossa e trasformata con 100 kcal/d di pesce grasso, yogurt, formaggio o uova è stata associata a un rischio inferiore del 20% di cardiopatia ischemica.

Il consumo di carne rossa e trasformata era positivamente associato alla concentrazione sierica di colesterolo non-HDL ( lipoproteine non ad alta densità ) e alla pressione arteriosa sistolica, mentre il consumo di formaggio era inversamente associato al colesterolo non-HDL.

Il rischio di IHD è stato associato positivamente con il consumo di carne rossa e trasformata e inversamente associato con il consumo di yogurt, formaggio e uova, sebbene le associazioni con yogurt e uova possano essere influenzate da fattori di confondimento causali inversi.

Non è chiaro se le associazioni con carni rosse e trasformate e formaggio riflettano la causalità, ma sono state coerenti con le associazioni di questi alimenti con il colesterolo non-HDL e per le carni rosse e trasformate con la pressione arteriosa sistolica, che potrebbero mediare tali effetti. ( Xagena2019 )

Key TJ et al, Circulation 2019; 139: 2835-2845

Cardio2019 Nutro2019



Indietro