Xagena Mappa
Medical Meeting
Xagena Salute
Gastrobase.it

Cereali integrali e minore rischio di tumore colorettale


Un’analisi, compiuta su 800.000 persone ha dimostrato che gli individui che mangiano tre porzioni al giorno di cereali integrali hanno presentato un rischio di cancro del colon-retto significativamente minore, seppur di entità modesta.

Un aumento di 90 grammi al giorno di fibre nella dieta da cereali integrali è risultato associato a una riduzione del rischio del 17% per il tumore del colon-retto, secondo un gruppo di ricercatori dell'Imperial College London.

Il risultato è emerso da una meta-analisi di 25 studi caso-controllo o studi di coorte prospettici sulla dieta e sul rischio di tumore del colon e del retto.

I ricercatori hanno anche scoperto che una alta assunzione di fibra alimentare totale, rispetto a una bassa, è associata a una significativa riduzione del rischio ( 12% ).
Per ogni incremento di 10 grammi nell’apporto giornaliero di fibre totale tra due milioni di partecipanti a 16 studi, il rischio è stato ridotto del 10%, con il vantaggio più evidente per il tumore del colon, rispetto a quello del retto.

Tuttavia, fonti di fibre diverse da cereali e cereali integrali sembravano avere un minore impatto sul rischio.
Sono stati riportati i seguenti rischi relativi associati all'assunzione di fibre di frutta, verdura e legumi: frutta: RR=0.93 per 10 g di incremento giornaliero, 9 studi, 1.5 milioni di partecipanti; verdure: RR=0.98 per 10 g di incremento giornaliero, 9 studi, 1.5 milioni di partecipanti; legumi: RR=0.62 per 10 g di incremento giornaliero, 4 studi, 1.1 milioni di partecipanti.

I risultati hanno fornito un ulteriore supporto alle raccomandazioni della sanità pubblica di aumentare l'assunzione di fibre alimentari nella prevenzione del cancro colorettale.
In particolare, hanno indicato un beneficio nell’aumento dell’assunzione di fibre dei cereali e dell'assunzione di cereali integrali.

Sulla base di studi precedenti, l'adozione di tali raccomandazioni avrebbe anche una serie di benefici per la salute, tra cui una minore incidenza di malattie cardiovascolari, diabete mellito di tipo 2, obesità e forse mortalità complessiva.

In un editoriale, due ricercatori della Danish Cancer Society hanno sostenuto che le associazioni rappresentano probabilmente causalità.
Molti dei meccanismi specifici coinvolti nei benefici per la salute dati dai cereali integrali devono ancora essere esplorati e spiegati in dettaglio.

Fattori come maggiore senso di sazietà, omeostasi stabilizzata del glucosio, risposta insulinica e la fermentazione delle fibre e dell’amido resistente nel colon per la produzione di acidi grassi a catena corta sono probabilmente importanti.

I due studi di maggiore dimensione inclusi nell'analisi ( NIH-AARP Diet and Health Study, con 292.000 partecipanti, e lo European Prospective Investigation into Cancer and Nutrition, con 520.000 pazienti ) avevano periodi di follow-up medi, rispettivamente, di 4.5 e 6.2 anni.

Una importante limitazione alla meta-analisi era che molti degli studi hanno esaminato la composizione della dieta solo al momento dell'arruolamento, e la definizione di fibra può essere variata considerevolmente tra gli studi. ( Xagena2011 )

Fonte: British Medical Journal, 2011


Gastro2011 Onco2011



Indietro