Xagena Mappa
Medical Meeting
Neurobase.it
Cardiobase

Aumento dell’incidenza di tumore e di mortalità dopo trattamento con Acido Folico e Vitamina B12


Sono recentemente emersi dubbi sulla sicurezza dell’Acido Folico, in particolare in relazione al rischio di cancro.

Un gruppo di Ricercatori dell’Haukeland University Hospital, a Bergen in Norvegia, ha valutato l’effetto del trattamento con vitamine del gruppo B sugli esiti oncologici e sulla mortalità per ogni causa in 2 studi randomizzati e controllati.

Sono state effettuate analisi combinate ed estensione dei follow-up di 2 studi clinici randomizzati, in doppio cieco, placebo-controllati ( Norwegian Vitamin Trial e Western Norway B Vitamin Intervention Trial ).

In totale, 6.837 pazienti con malattia cardiaca ischemica sono stati trattati con vitamine B o placebo tra il 1998 e il 2005, e sono stati seguiti fino al 31 dicembre 2007.

I trattamenti orali previsti erano: Acido Folico ( 0.8 mg/die ) più Vitamina B12 ( 0.4 mg/die ) e Vitamina B6 ( 40 mg/die ) ( n = 1.708); Acido Folico ( 0.8 mg/die ) più vitamina B12 ( 0.4 mg/die ) ( n = 1.703 ); Vitamina B6 da sola ( 40 mg/die ) ( n = 1.705 ) oppure placebo ( n = 1.721 ).

Le principali misure di esito erano l’incidenza di cancro, la mortalità per cancro e la mortalità per tutte le cause.

Durante lo studio, la concentrazione mediana di folato sierico è aumentata di oltre 6 volte tra i partecipanti che avevano assunto Acido Folico.

Dopo un periodo mediano di 39 mesi di trattamento e ulteriori 38 mesi di periodo osservazionale dopo lo studio, 341 partecipanti ( 10% ) trattati con Acido Folico più Vitamina B12 versus 288 non-trattati con questa combinazione ( 8.4% ) hanno ricevuto diagnosi di tumore ( hazard ratio [ HR ] 1.21; P = 0.02 ).

Il 4% ( n=136 ) dei pazienti che aveva ricevuto Acido Folico più Vitamina B12, contro il 2.9% ( n=100 ) che non aveva ricevuto questo trattamento sono deceduti per cancro ( HR=1.38; P = 0.01 ).

Il 16.1% ( n=548 ) dei pazienti che aveva ricevuto Acido Folico più Vitamina B12 contro il 13.8% ( n= 473 ) che non aveva ricevuto questo trattamento sono deceduti per qualsiasi causa ( HR=1.18; P = 001 ).

I risultati sono stati determinati soprattutto da un incremento di incidenza di tumore del polmone nei partecipanti trattati con Acido Folico più Vitamina B12.

Il trattamento con Vitamina B6 non è risultato associato ad alcun effetto significativo.

In conclusione, il trattamento con Acido Folico più Vitamina B12 è risultato associato a un aumento degli esiti oncologici e di mortalità per tutte le cause in pazienti con malattia cardiaca ischemica in Norvegia, dove non sono previsti alimenti fortificati con Acido Folico. ( Xagena2009 )

Ebbing M et al, JAMA 2009; 302: 2119-2126


Onco2009 Farma2009


Indietro