Polmoniti comunitarie - Percorso Diagnostico-Terapeutico
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Assunzione di pesce e carico di malattie cerebrovascolari alla risonanza magnetica negli anziani


L'assunzione di pesce può prevenire le malattie cerebrovascolari ( CVD ), ma i meccanismi non sono ben definiti, soprattutto per quanto riguarda l'impatto sul danno subclinico.

Supponendo che il pesce possa avere un effetto pleiotropico sulla salute cerebrovascolare, è stata studiata l'associazione dell'assunzione di pesce con il carico cerebrovascolare globale basato sui marcatori della risonanza magnetica cerebrale.

Una analisi trasversale ha incluso i partecipanti della coorte basata sulla popolazione di Three-City Dijon ( età maggiore o uguale a 65 anni ) senza demenza, ictus o storia di malattie cardiovascolari ospedalizzate che sono stati sottoposti a risonanza magnetica cerebrale con valutazione automatizzata dell'iperintensità della sostanza bianca, rilevamento visivo di infarti nascosti e gradazione di spazi perivascolari dilatati.

L'assunzione di pesce è stata valutata attraverso un questionario di frequenza e la misura di esito primaria è stata definita come la prima componente di una analisi fattoriale di dati misti applicati ai marcatori MRI ( risonanza magnetica per immagini ).

In totale sono stati inclusi 1.623 partecipanti ( età media 72.3 anni, 63% donne ). La prima componente dell'analisi fattoriale ( 32.4% della varianza spiegata ) è stata associata a livelli più elevati di tutti e tre i marcatori MRI.
Una maggiore assunzione di pesce è stata associata a un minore carico cerebrovascolare.

In un modello aggiustato per il volume intracranico totale, rispetto ai partecipanti che consumavano pesce meno di una volta alla settimana, quelli che invece hanno assunto pesce da 2 a 3 e 4 o più volte alla settimana avevano un indicatore beta=-0.19 e beta=-0.30 inferiore del carico cerebrovascolare, rispettivamente ( P tendenza inferiore a 0.001 ).

Sono state trovate prove di modifica dell'effetto in base all'età secondo cui l'associazione tra pesce e malattia cerebrovascolare è stata più forte nei partecipanti più giovani ( 65-69 anni ) e non-significativa nei partecipanti di età maggiore o uguale a 75 anni.
Per fare un confronto, nella fascia di età più giovane, consumare pesce da 2 a 3 volte a settimana è stato più o meno equivalente ( nella direzione opposta ) all'effetto dell'ipertensione.

In questo ampio studio basato sulla popolazione, una maggiore frequenza di assunzione di pesce è stata associata a un minore carico di malattia cerebrovascolare, specialmente tra i partecipanti di età inferiore a 75 anni, suggerendo un benefico effetto sulla salute vascolare cerebrale prima della manifestazione di una malattia cerebrale conclamata. ( Xagena2021 )

Thomas A et al, Neurology 2021; 97: e2213-e2222

Neuro2021 Nutri2021



Indietro