Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Associazioni di attività fisica prima dell'ictus con gravità dell'ictus e mortalità dopo emorragia intracerebrale rispetto all'ictus ischemico


L'attività fisica prima dell'ictus può proteggere il cervello dalle gravi conseguenze dell'ictus.
Tuttavia, studi precedenti su questo argomento includevano principalmente casi di ictus ischemico e l'associazione tra l'attività fisica pre-ictus e gli esiti dopo l'emorragia intracerebrale è incerta.

Sono state esaminate le associazioni tra attività fisica pre-ictus, gravità dell'ictus e mortalità per qualsiasi causa dopo emorragia intracerebrale rispetto all'ictus ischemico.

È stato condotto uno studio di coorte longitudinale basato sui registri. Tutti i pazienti adulti con emorragia intracerebrale o ictus ischemico ricoverati in 3 reparti per l’ictus a Göteborg, in Svezia, tra il 2014 e il 2019, sono stati sottoposti a screening per l'inclusione.

L'attività fisica è stata definita come attività fisica leggera di 4 o più ore/settimana o attività fisica moderata di 2 o più ore/settimana l'anno prima dell'ictus.
La gravità dell'ictus è stata valutata al momento del ricovero utilizzando la scala NIHSS ( NIH Stroke Scale ).

I tassi di mortalità per qualsiasi causa sono stati seguiti fino a 7 anni, dal momento dell'ictus incidente fino alla morte o alla censura.

Sono stati inclusi 763 pazienti con emorragia intracerebrale e 4.425 con ictus ischemico. L'attività fisica prima dell'ictus è stata associata a ictus meno gravi con un odds ratio aggiustato ( aOR ) di 3.57 per le emorragie intracerebrali e 1.92 per gli ictus ischemici.

Durante un follow-up mediano di 4.7 anni, il 48.5% dei pazienti con emorragia intracerebrale è deceduto, rispetto al 37.5% con ictus ischemico.

L'attività fisica prima dell'ictus è stata associata a una riduzione della mortalità a breve termine ( 0-30 giorni ) con un hazard ratio aggiustato di 0.30 dopo emorragia intracerebrale e 0.22 dopo ictus ischemico.

L'attività fisica prima dell'ictus è stata ulteriormente associata a una riduzione della mortalità a lungo termine ( 30 giorni-2 anni ) con un hazard ratio aggiustato di 0.40.

L'attività fisica prima dell'ictus è stata associata a una diminuzione della gravità dell'ictus e della mortalità per tutte le cause dopo emorragia intracerebrale e ictus ischemico, indipendentemente da altri fattori di rischio.

Sulla base delle attuali conoscenze, gli operatori sanitari dovrebbero promuovere l'attività fisica come parte della prevenzione primaria dell'ictus. ( Xagena2022 )

Viktorisson A et al, Neurology 2022; 99: e2137-e2148

Neuro2022



Indietro