Xagena Mappa
Medical Meeting
XagenaNewsletter
Neurobase.it

Associazione tra uso di Aspirina e rischio di carcinoma epatocellulare


I dati prospettici sul rischio di carcinoma epatocellulare ( HCC ) in base alla dose e alla durata della terapia con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) sono limitati.

Sono stati esaminati i potenziali benefici dell'uso di Aspirina per la prevenzione primaria dell'epatocarcinoma con una gamma di dosi e durate di utilizzo in due popolazioni prospettiche a livello nazionale.

È stata effettuata una analisi con dati aggregati di due studi prospettici di coorte negli Stati Uniti: Nurses’ Health Study ( NHS ) e Health Professionals Follow-up Study ( HPFS ).

In totale sono stati inclusi 133.371 operatori sanitari che hanno riportato dati sull'uso di Aspirina, frequenza, dosaggio e durata di utilizzo biennale dal 1980 nelle donne e dal 1986 negli uomini.
Sono stati esclusi soggetti con diagnosi di cancro al basale ( eccetto il tumore della cute non-melanoma ).

Dei 133.371 partecipanti, 87.507 erano donne e 45.864 erano uomini; nel 1996, tempo mediano di follow-up, l'età media era di 62 anni per le donne e 64 anni per gli uomini.
Sono stati documentati oltre 26 anni di follow-up che hanno coinvolto 4.232.188 anni-persona, e 108 casi di epatocarcinoma incidente ( 65 donne, 43 uomini ).

Rispetto all'uso non regolare, l'uso regolare di Aspirina ( 2 o più compresse alla settimana a dose standard, 325 mg ) era associato a un ridotto rischio di carcinoma epatocellulare ( hazard ratio aggiustato, aHR=0.51 ).

Questo beneficio sembrava essere correlato alla dose: rispetto al non-utilizzo, l'hazard ratio aggiustato per le variabili per epatocarcinoma è stato pari a 0.87 per un massimo di 1.5 compresse a dose standard alla settimana, 0.51 per oltre 1.5 fino a 5 compresse alla settimana, e 0.49 per più di 5 compresse alla settimana ( P per trend=0.006 ).

È stato osservato un rischio di carcinoma epatocellulare significativamente più basso con una durata crescente ( P per trend=0.03 ); questa diminuzione era evidente con l'uso di 1.5 o più compresse di Aspirina a dose standard alla settimana per 5 o più anni ( aHR=0.41 ).

Per contro, l'uso di farmaci antinfiammatori non-steroidei ( FANS ) non-Aspirina non è risultato significativamente associato a rischio di carcinoma epatocellulare ( aHR=1.09 ).

L'uso regolare di Aspirina a lungo termine è associato a una riduzione dose-dipendente del rischio di carcinoma epatocellulare, che è evidente dopo 5 o più anni di utilizzo.
Associazioni simili non sono state trovate con FANS non-Aspirina.
Ulteriori ricerche sembrano necessarie per chiarire se l'uso di Aspirina rappresenti una strategia praticabile per la prevenzione primaria dell'epatocarcinoma. ( Xagena2018 )

Simon TG et al, JAMA Oncol 2018; 4: 1683-1690

Onco2018 Gastro2018 Farma2018


Indietro