Forum Ematologico 2023-2024
Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Associazione tra consumo di pesce, acidi grassi a catena lunga Omega 3 e rischio di malattie cerebrovascolari


L’obiettivo di uno studio è stato quello di chiarire le associazioni tra consumo di pesce e acidi grassi a lunga catena Omega 3 con il rischio di malattie cerebrovascolari per la prevenzione primaria e secondaria con una revisione sistematica e una meta-analisi.

Sono stati individuati attraverso database scientifici studi pubblicati prima del settembre 2012 e sono stati ammessi studi di coorte prospettici e studi controllati randomizzati sulle associazioni tra consumo di pesce e acidi grassi Omega 3 a lunga catena ( sulla base di diari alimentari ), biomarcatori di acidi grassi Omega 3, o integratori con la malattia cerebrovascolare ( definita come qualsiasi ictus ischemico fatale o non-fatale, ictus emorragico, evento cerebrovascolare o attacco ischemico transitorio [ TIA ] ).
Sono stati inclusi studi di prevenzione primaria e secondaria ( comprendenti soggetti con o senza malattia cardiovascolare al basale ).

Sono stati inclusi 26 studi prospettici di coorte e 12 studi randomizzati e controllati con i dati aggregati su 794.000 persone non sovrapposte e 34.817 esiti cerebrovascolari.

Negli studi di coorte di confronto tra categorie di assunzione di pesce, il rischio relativo globale per la malattia cerebrovascolare per 2-4 porzioni alla settimana rispetto a 1 porzione o meno alla settimana è stato pari a 0.94 e per 5 porzioni o più alla settimana rispetto a 1 porzione alla settimana è stato pari a 0.88.

Il rischio relativo per la malattia cerebrovascolare confrontando i terzi superiori degli acidi grassi Omega 3 a lunga catena al basale base con i terzi inferiori dei biomarcatori circolanti è stato di 1.04 e per le esposizioni alimentari è stato di 0.90.

Negli studi randomizzati e controllati il rischio relativo di malattia cerebrovascolare nel gruppo con integrazione di acidi grassi Omega 3 a lunga catena rispetto al gruppo di controllo negli studi di prevenzione primaria è stato di 0.98 e negli studi di prevenzione secondaria è stato di 1.17.

Per il pesce o gli acidi grassi Omega 3 le stime per gli eventi cerebrovascolari ischemici ed emorragici sono state sostanzialmente simili.
Ci sono state scarse prove di eterogeneità e di bias di pubblicazione negli studi o all'interno di sottogruppi.

In conclusione, i dati osservazionali disponibili hanno indicato moderate associazioni inverse tra consumo di pesce e acidi grassi Omega 3 a lunga catena con il rischio cerebrovascolare.
Gli acidi grassi Omega 3 a lunga catena misurati come biomarcatori circolanti in studi osservazionali o integratori in studi di prevenzione primaria e secondaria non sono stati associati a malattia cerebrovascolare.
L'effetto benefico del consumo di pesce sul rischio cerebrovascolare può essere mediato dalla interazione di una vasta gamma di sostanze nutritive abbondanti nel pesce. ( Xagena2012 )

Chowdhury R et al, BMJ 2012; 345: e6698

Neuro2012



Indietro