Xagena Newsletter
Alliance Dermatologia & Dermocosmesi
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Associazione tra cessazione del fumo e conseguente rischio di malattia cardiovascolare


Il rischio di malattia cardiovascolare ( CVD ) dopo l'interruzione del fumo non è ben definito.
I calcolatori del rischio considerano gli ex-fumatori a rischio per soli 5 anni.

È stata valutata l'associazione tra anni dall'abbandono del fumo e le malattie cardiovascolari incidenti.

È stata condotta una analisi retrospettiva di dati raccolti in modo prospettico dai partecipanti al Framingham Heart Study senza malattia cardiovascolare di base ( coorte originale: quarto esame nel 1954-1958; coorte dei figli: primo esame nel 1971-1975 ) che sono stati seguiti fino al 2015.

L’esito principale era rappresentato dalla malattia cardiovascolare incidente ( infarto miocardico, ictus, insufficienza cardiaca o morte cardiovascolare ).
Le analisi primarie includevano entrambe le coorti ( raggruppate ) ed erano limitate ai forti fumatori ( 20 o più anni-pacchetto ).

La popolazione dello studio comprendeva 8.770 individui ( coorte originale: n=3.805; coorte dei figli: n=4.965 ) con un'età media di 42.2 anni e il 45% di sesso maschile.
Vi erano 5.308 fumatori con una media di 17.2 anni base di riferimento, inclusi 2.371 forti fumatori ( 406, 17%, ex-fumatori e 1.965, 83%, fumatori correnti ).

In 26.4 anni di follow-up mediani, si sono verificati 2.435 primi eventi cardiovascolari ( coorte originale: n=1.612; n=665 tra i forti fumatori; coorte dei figli: n=823; n=430 tra i forti fumatori ).

Nella coorte raggruppata, rispetto al fumo corrente, l'aver smesso di fumare entro 5 anni è stato associato a tassi significativamente più bassi di malattia cardiovascolare incidente ( tassi di incidenza per 1.000 anni-persona: fumo corrente, 11.56; cessazione del fumo entro 5 anni, 6.94; differenza, -4.51 ) e a minore rischio di malattia cardiovascolare incidente ( hazard ratio, HR 0.61 ).

Rispetto al non aver mai fumato, l'aver smesso di fumare ha cessato di essere significativamente associato a un rischio maggiore di malattia cardiovascolare 10-15 anni dopo l'interruzione nella coorte raggruppata ( tassi di incidenza per 1.000 anni-persona: non aver mai fumato, 5.09; aver cessaro di fumare entro 10-15 anni, 6.31; differenza, 1.27; HR=1.25 ).

Tra i forti fumatori, l'interruzione del fumo è risultata associata a un rischio significativamente più basso di malattia cardiovascolare entro 5 anni rispetto ai fumatori correnti.
Tuttavia, rispetto ai mai fumatori, il rischio di malattua cardiovascolare degli ex-fumatori è rimasto significativamente elevato oltre 5 anni dopo l'interruzione del fumo. ( Xagena2019 )

Duncan MS et al, JAMA 2019; 322: 642-650

Psyche2019 Cardio2019



Indietro