Xagena Newsletter
Xagena Mappa
Xagena Newsletter
OncologiaMedica.net

Associazione tra assunzione di caffè e sopravvivenza nei pazienti con tumore del colon-retto avanzato o metastatico


Diversi composti presenti nel caffè possiedono effetti antiossidanti, antinfiammatori e sensibilizzanti all'insulina, che possono contribuire all'attività antitumorale.
Studi epidemiologici hanno identificato associazioni tra l'aumento del consumo di caffè e la diminuzione delle recidive e della mortalità del tumore del colon-retto.
L'associazione tra consumo di caffè e sopravvivenza nei pazienti con tumore colorettale avanzato o metastatico è sconosciuta.

È stata valutata l'associazione tra consumo di caffè e progressione della malattia e morte nei pazienti con tumore del colon-retto avanzato o metastatico.

Uno studio di coorte osservazionale prospettico ha incluso 1.171 pazienti con cancro del colon-retto localmente avanzato o metastatico non-trattato in precedenza che sono stati arruolati nel Cancer and Leukemia Group B ( Alliance ) / SWOG 80405, uno studio clinico di fase 3 completato che ha confrontato l'aggiunta di Cetuximab ( Erbitux ) e/o Bevacizumab ( Avastin ) alla chemioterapia standard.

I pazienti hanno segnalato l'assunzione alimentare utilizzando un questionario semiquantitativo sulla frequenza degli alimenti al momento dell'arruolamento.
I dati sono stati raccolti nel periodo 2005-2018.

È stato esaminato il consumo di caffè totale, decaffeinato e con Caffeina misurato in tazze al giorno.

Gli esiti principali erano la sopravvivenza globale ( OS ) e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).

Tra i 1.171 pazienti inclusi nell'analisi ( 694 uomini, 59%; età media, 59 anni ), il tempo mediano di follow-up tra quelli vivi è stato di 5.4 anni.
In totale 1.092 pazienti ( 93% ) erano morti o avevano avuto una progressione della malattia.

L'aumento del consumo di caffè è stato associato a una diminuzione del rischio di progressione del tumore ( hazard ratio [ HR ] per incremento di 1 tazza / giorno, 0.95; P=0.04 per trend ) e morte ( HR per incremento di 1 tazza / giorno, 0.93; P=0.004 per trend ).

I partecipanti che hanno consumato da 2 a 3 tazze di caffè al giorno hanno avuto un hazard ratio multivariabile per la sopravvivenza globale di 0.82 e per la sopravvivenza senza progressione di 0.82, rispetto a coloro che non hanno assunto caffè.

I partecipanti che hanno consumato almeno 4 tazze di caffè al giorno hanno avuto un hazard ratio multivariabile per la sopravvivenza globale di 0.64 e per la sopravvivenza senza progressione di 0.78.
Sono state notate associazioni significative sia per il caffè con Caffeina che per quello decaffeinato.

Il consumo di caffè può essere associato a un ridotto rischio di progressione della malattia e morte nei pazienti con carcinoma del colon e del retto avanzato o metastatico.
Sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire i meccanismi biologici alla base. ( Xagena2020 )

Mackintosh C et al, JAMA Oncol 2020; 6: 1713-1721

Gastro2020 Onco2020 Farma2020



Indietro