Ematologia.net
Mediexplorer
Reumatologia

L’esercizio fisico moderato può prolungare la sopravvivenza globale nei pazienti con carcinoma colorettale metastatico


Uno studio di fase 3 ha mostrato che i pazienti con carcinoma metastatico del colon-retto che svolgono un moderato esercizio fisico per almeno 30 minuti al giorno presentano ridotti rischi di mortalità per cancro e progressione tumorale.

Studi precedenti avevano già dimostrato un legame tra esercizio fisico regolare e miglioramento degli esiti nei pazienti con tumore del colon-retto nelle prime fasi; tuttavia, non era stato valutato l'effetto di un regolare esercizio fisico nei pazienti con metastasi a distanza.

Lo stile di vita sedentario è un noto fattore di rischio per lo sviluppo del cancro del colon. Inoltre è associato a un aumento della recidiva e della mortalità nei pazienti con tumore del colon-retto in stadio precoce.
Inoltre, i pazienti che sono attivi tendono a meglio tollerare la chemioterapia.

L'analisi ha incluso i dati di 1.231 pazienti sottoposti a chemioterapia per il tumore del colon-retto metastatico.
L’attività fisica è stata riferita dai pazienti mediante un questionario e i ricercatori hanno registrato l'attività utilizzando una misura standard basata su MET-ore a settimana [ MET = equivalente metabolico ].

Sono stati esclusi i pazienti che presentavano una progressione della malattia o sono morti entro 60 giorni della valutazione dell’attività.

L'endpoint primario era rappresentato dalla sopravvivenza globale, mentre la sopravvivenza libera da progressione era l'endpoint secondario.

Le analisi sono state aggiustate per comorbilità, significativa perdita di peso nel corso degli ultimi 6 mesi, indice di massa corporea ( BMI ), effetti della chemioterapia, sesso del paziente ed età.

Sono stati confrontati i pazienti meno attivi, o coloro che svolgevano meno di 30 minuti di attività fisica a settimana, equivalenti a meno di 3 MET-ore alla settimana, con i pazienti che si impegnavano in 30 o più minuti di attività moderata al giorno, equivalenti a 18 o più MET-ore a settimana.

I risultati hanno mostrato che i pazienti più attivi presentavano un miglioramento della sopravvivenza globale ( hazard ratio, HR=0.81; IC 95%, 0.67-0.98 ) e della sopravvivenza libera da progressione ( HR=0.84; IC 95%, 0.71-1 ).

In un'analisi esplorativa secondaria, i pazienti che hanno trascorso 4 o più ore alla settimana in attività fisiche non-sostenute ( ad esempio, camminare, fare esercizi di yoga o tagliare l’erba ) hanno mostrato un miglioramento della sopravvivenza globale del 20%, e coloro che hanno trascorso 5 o più ore a settimana su queste attività hanno presentato un miglioramento della sopravvivenza globale del 25%.

Le attività sostenute, come la corsa, non sono risultate associate a una migliore sopravvivenza globale o a sopravvivenza libera da progressione. ( Xagena2017 )

Fonte: Gastrointestinal Cancers Symposium, 2017

Onco2017 Gastro2017 Med2017



Indietro